Bahrein, un’esperienza indimenticabile.

Fotografo matrimoni a Verona e provincia, per ognuno ho ricordi speciali, ma questo che vi sto per raccontare è davvero unico. Amo viaggiare, la mia curiosità mi ha sempre spinta a uscire dalla quotidianità, ed è così che ho colto la preziosa opportunità di partire per il Bahrein e fotografare due matrimoni insieme ad altre tre donne, portatrici sane di uno spirito di collaborazione che poche volte ho incontrato. La vita mi ha portato così a trascorrere il giorno del mio cinquantesimo compleanno a 10.000 metri di altezza pensando a ciò che avrei trovato in questo posto, per me così misterioso. Ho incontrato gli arabi con le loro tradizioni, ho visto rituali prettamente femminili dove le donne sono le uniche e vere protagoniste. Non avrei mai immaginato di vedere così tanta femminilità. I balli sono stupendi: io amo ballare e invidiavo il loro modo di muoversi. Avrei volentieri fatto dei ritratti fotografici di donne con occhi grandi e neri, immaginavo ritratti fotografici in bianco e nero con alti contrasti.

Mi sentivo agitata, emozionata, dentro un vortice di immagini che per me erano diverse da quelle che vedo abitualmente. Il mio sguardo era rivolto ai ritratti fotografici femminili perché erano a dir poco intensi. La raffinatezza degli abiti, l’eleganza delle atmosfere di questi luoghi intrisi di magia mi hanno fatto entrare in un mondo di sensazioni che non conoscevo. Ringrazio Loredana che mi ha dato l’opportunità di essere vicina a lei in questo viaggio fotografico, Valentina e Lara, splendide compagne di lavoro che, dopo aver lavorato per ore, mi hanno fatto il regalo più bello, sorpresa nelle sorprese: la torta di compleanno di cioccolato e pistacchio con tanto di candeline e coro di festa tipicamente arabo che, se un giorno ci incontreremo, vi farò ascoltare.

50 anni indimenticabili. Vorrei condividere alcuni scatti, ma è d’obbligo rispettare l’assoluta riservatezza richiesta, spero comunque che il mio racconto vi sia piaciuto. Alla prossima avventura!

Laura

Venerdì 1 giugno mi sono presentata come fotografa di matrimonio in Valpolicella per immortalare uno dei momenti per me più emozionanti della fotografia di matrimonio: la preparazione della sposa.

Oxana, la sposa, dopo giorni e giorni di pensieri per i suoi preparativi nuziali era pronta per il grande giorno.

Tutto studiato nei minimi dettagli per incontrare e incantare il suo amato Federico e pronunciare quel “sì” tanto desiderato da mesi.

Ho incontrato Angelica, la sua bambina di due anni che con la sua curiosità per quello che stava accadendo, ha lasciato tutti noi a bocca aperta.

Le piacevano i trucchi, osservava le damigelle che nel momento più intimo, aiutavano la mamma nella vestizione.

Ho amato Oxana per la dedizione e la passione che ha impiegato per mettere assieme tutti gli elementi per l’occasione: l’abito studiato ad hoc insieme al personale dell’atelier Loris Sposi di Bussolengo, l’acconciatura, gli allestimenti che Ottavia di Charme en Blanc ha realizzato con particolari raffinatissimi nella location de Il principe Amedeo dove Angela e Daniele assieme a tutto lo staff ci hanno accolto con un calore davvero speciale.

Le emozioni di questo momento di preparazione hanno in qualche maniera smosso quella fantasia a me necessaria per poter immortalare momenti.

Entro nelle emozioni della mia sposa: ed ecco che Oxana, Angelica, le damigelle e per finire l’incontro con la madre e con il padre sono diventate parte di me trasformandole in fotografia.

Tutti questi piccoli gesti sono diventati realtà fatografica… ecco come la vivo la mia fotografia di matrimonio.

Più sento queste emozioni che smuovono il mio animo e più la fotografia che realizzo è nelle mie corde.

Mi lascio andare con il flusso degli eventi.

Accompagnata da Mirko ser Vlad in questo viaggio fotografico mi sento bene, basta uno sguardo per capirci al volo.

Ognuna di queste foto ha dentro una parte di me e ogni volta che le guardo mi fa piacere pensare di esserci stata.